Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Strumenti personali
Home PMI

PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI)

 

Tutte le imprese, a prescindere dalla loro dimensione, sono responsabili dell’uso sicuro delle sostanze che immettono all’interno del mercato europeo.

Il primo passo da fare quando ci si avvicina al Regolamento REACH è quello di comprendere i propri obblighi e i propri diritti. Questo dipenderà dal proprio ruolo nella catena di approvvigionamento, dal tipo di sostanza che si importa, produce, immagazzina o che si usa, come pure dalla pericolosità della sostanza stessa.

Nel sito dell’ECHA sono disponibili una serie di guide pratiche e opuscoli che aiutano le imprese ad orientarsi verso la corretta identificazione del proprio ruolo e delle proprie responsabilità, a familiarizzare con la terminologia del Regolamento, che indirizzano verso quelle associazioni industriali che stanno lavorando di concerto con l’ECHA e che hanno sviluppato strumenti per aiutare le PMI ad assolvere gli obblighi derivanti dal REACH.

Gran parte dei documenti presenti sul sito dell'ECHA sono disponibili anche in italiano, come anche le pagine web, selezionando la lingua dal menu in alto a destra. 

 

Dimensione d'impresa

 

Le piccole e medie imprese che detengono obblighi ai sensi del REACH, possono beneficiare di alcuni vantaggi in virtù della loro ridotta dimensione.

E' essenziale, pertanto, identificare la corretta dimensione della propria impresa. I criteri per l'identificazione della dimensione sonostabiliti  dalla Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/EC.

 

Nel caso in cui ciò non sia sufficiente ad identificare con chiarezza la corretta dimensione, le imprese italiane possono anche avvalersi del parere della  "Commissione per la determinazione della dimensione aziendale ai fini della concessione di aiuti alle attività produttive” istituita presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE). Le richieste di chiarimento devono essere sottoposte alla Commissione per il tramite delle associazioni imprenditoriali.

 

Tariffe


Le piccole e medie imprese possono beneficiare di una riduzione delle tariffe da versare in relazione agli obblighi previsti dai Regolamenti REACH, CLP (riduzioni tariffe per SME) e Biocidi. La riduzione può arrivare fino al 95% della tariffa standard nel caso di una registrazione REACH.

E' importante sapere che se un'impresa dichiara una dimensione errata, oltre al saldo della tariffa dovuta in base all'effettiva dimensione, essa sarà chiamata dall'ECHA a pagare un ulteriore onere amministrativo. Si raccomanda, dunque, di adottare i necessari controlli in tempo utile.

 

 SIEF

 

I SIEF (Forum per lo Scambio delle Informazioni sulle Sostanze) sono uno strumento molto importante, previsto dal REACH, sia per condividere i dati ai fini della registrazione di una stessa sostanza, che per ripartire i relativi costi. Tuttavia, la partecipazione ai SIEF può comportare problemi legati alla trasparenza dei costi, alla utilizzabilità delle lettere di accesso, etc.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con il Ministero della Salute e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, considerando le difficoltà che possono incontrare le imprese, soprattutto le PMI, nell'accesso ai SIEF, ha predisposto un vademecum  che indica le possibili azioni di autotutela. Nel vademecum  sono indicati i possibili "rimedi" che si possono adottare per superare le criticità, incluso il ricorso alle autorità nazionali e all'ECHA.

 

Vademecum REACH 

 

 

Azioni sul documento